Torna all'Archivio News

23-03-2019
HOPE SEEDS: TERZA DI QUARESIMA, GAME OVER?

VANGELO
Dal Vangelo secondo Luca (13,1-9)

In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

COMMENTO

Non sempre nella vita va tutto dritto. Talvolta incontri la cattiveria di Pilato, talvolta ti crolla addosso la torre, che sia di Siloe o di altra località. Ma peggio di ogni disgrazia è quando Siloe è in te e ti crolla addosso la torre della noia e dell’apatia, la mancanza di voglia di fare del bene, il non credere che si può cambiare nella vita, l’omissione! Disgrazia è quando dici…:” ci penserò domani...non lo so fare...non spetta a me...non mi piace...non me la sento...sono stanco...vorrei pensare un po' ai fatti miei...lasciatemi un po' in pace...non sono capace...” ! Si tratta di grossi guai per la tua salute fisica e spirituale. Non porti frutto. Sei sterile. Non produci. Non sei utile né a te stesso né a Dio ne alle persone che ti circondano. Non pensare mai di non poter cambiare. E’ una tentazione del maligno. Non pensare mai...”tanto io sono fatto così”…! Non pensare mai “beh io non ce la farò mai” ! Il padrone del campo in cui ti trovi tu, pianta che può dare frutto (e per questo è stata piantata…) ti sta dando una chance in più. Quaresima è il nome di questo “bonus”. Non dichiarare GAME OVER. Ma cerca il prossimo livello, di una realtà che non è un gioco elettronico da Play Station ma da PRAY STATION, cioè  la relazione profonda che Dio intende stabilire con te, dandoti fiducia e credendo pienamente nella tua capacità di produrre frutti buoni. Tu sei albero del Suo giardino. Dagli la soddisfazione di gustare della tua bontà.

 


© 2007-2014 | HOPE - Tutti i diritti sono riservati.