Torna all'Archivio News

19-05-2017
LE IENE, LA "BALENA BLU" E GLI SMARTPHONE IN REGALO ALLA PRIMA COMUNIONE.

I bambini, i preadolescenti e gli adolescenti dotati di smartphone sono lasciati soli in un mondo alieno, in cui non scelgono ma vengono scelti da algoritmi studiati da adulti dall’altra parte del mondo che li spiano nei più remoti percorsi di navigazione per proporre ciò che ritengono possa piacergli; in cui sono condannati a rincorrere modelli inarrivabili perché falsi e ri-costruiti a tavolino, come le bellezze scolpite con Photoshop; in cui molti, troppi videoclip musicali li istigano a divertirsi sballandosi; in cui usano chat che cancellano video e foto dopo la visualizzazione, senza lasciare traccia, creando così una zona franca in cui nessun adulto può entrare, né verificare, né aiutare, né correggere, né educare e dove succede di tutto e sempre più presto; un mondo in cui il primo contatto con un’immagine pornografica si ha tra gli 8 e i 10 anni ed in cui, secondo lo psicoterapeuta americano Peter Kleponis, la maggioranza dei fruitori di pornografia ha dai 12 ai 17 anni.


© 2007-2014 | HOPE - Tutti i diritti sono riservati.