Sei qui: HOME | LEGGI NOTIZIA

27-01-2019
HOPE SEEDS - OGGI SI E' COMPIUTA QUESTA SCRITTURA

TERZA DOMENICA ANNO C

VANGELO (Lc 1,1-4; 4,14-21)
Oggi si è compiuta questa Scrittura.

+ Dal Vangelo secondo Luca

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.
In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

Parola del Signore

Ma...chi era poi sto Teofilo ? Il nome già mi da delle indicazioni : il significato infatti è AMORE PER DIO. Allora...che questo Teofilo sia ognuno di noi quando decide di amare Dio e di conoscerlo sempre più ? Facciamo finta sia così ! Sono io, sei tu, il Teofilo di turno. In potenza o in atto ! A te, a me, Luca sta parlando, al fine di farci capire molto bene ( e senza mezzi termini…) chi è Dio e qual’è il Suo progetto. Si tratta di un’avventura che parte da chi, in mezzo a noi, è il più debole, il più in difficoltà. Non sono venuto per i sani…! Dice Gesù ! Una frase mi ha sempre colpito : “il livello di civiltà di un popolo si misura in base a come tratta i suoi componenti più deboli. Verissimo. Per il Vangelo di Gesù è così ! Non esiste Teofilo, cioè chi ama Dio, senza che si ami il prossimo, colui che ti sta accanto, chi per diversi motivi è stato bastonato dalla vita. Ciechi, poveri, carcerati, oppressi...sono questi i primi destinatari della Buona Novella. Noi “teofili” spesso solo di nome, cerchiamo invece le situazioni più comode, quelle nelle quali bisogna lavorare e sacrificarsi di meno. Cerchiamo chi già scalda i banchi delle nostre chiese, chi sta bene, chi non ha problemi, chi è già “pasciuto e nutrito”, chi non è fastidioso, chi è lavato e stirato…! Dunque questa Parola viene a scuoterci, viene a spingerci fuori dal nostro egoismo e dalle nostre scelte di comodo, ci prende per mano e ci porta direttamente a vedere dove dobbiamo stare, a chi ci dobbiamo rivolgere, a chi dobbiamo raccontare la bontà e la vicinanza di Dio. Nei poveri, nei carcerati, negli oppressi, in chi ti tende la mano, li e solo li troveremo il Dio da amare !! Da questo si misurerà il livello della nostra cristianità.

^ Scorri la pagina in alto

© 2007-2012 | HOPE - Tutti i diritti sono riservati.
Powered by Lamorfalab Studio Creativo